Social Cloud – Futuro o fantascenza

Home Page Tecnologia

L’altro giorno parlando con un amico, si parlava di come la tecnologia del p2p (peer to peer), per alcune applicazioni sia stata una tecnologia fondamentale.

Basti pensare, oltre ai vari client per lo scambio di file (e non solo di file e canzoni pirata), tra cui il più noto e forse la famiglia torrent, a skype. Un client voip che attinge a piene mani dalla tecnologia del peer to peer, oppure ai client per lo streaming televisivo. Insomma la tecnologia del peer to peer può essere applicata anche in ambiti diversi dallo download illegale di film.

Ragionando sui campi di applicazione del p2p abbiamo pensato: “E’ se si realizzasse un Social Network p2p?”. Sostanzialmente l’idea era di realizzare un client che permettesse lo scambio di contenuti personali, come foto, filmati o eventi, usando gli stessi sistemi che usa torrent o emule per trasferire i file, usando sistemi di cifratura a chiave pubblica per crittare i dati e renderli disponibili solo agli amici dando loro la chiave privata.

Avere una rete sociale che non dipenda da una unica entità, e che quindi non può manipolare i nostri dati a suo piacimento. Una rete che permetta di scambiare anche filmati streaming realizzando una video chat in tempo reale.

Le tecnologie ci sono tutte, se pensiamo ai sistemi di autenticazioni, vengono fuori LDAP e Kerberos, che ben si adatterebero allo scopo. Oppure ai già citati sistemi di cifratura a chiave pubblica per avere un controllo su chi può fare cosa. In questo modo non si tratterebbe più di un Social Network ma di un Social Cloud, la nuovola sociale.

Scritto da

Share